Fattoria Selvapiana

Chianti Rufina Wines and Olive Oils, Tuscany, Italy, Vigneto Bucerchiale, Selvapiana Chianti Rufina, Selvapiana Pomino Rosso Doc, Villa Di Petrognano Vendemmia, Pomino doc, Fornace, Syrah, Vin Santo del Chianti Rufina

Selvapiana Chianti Rufina

Shining a Light on Chianti Rufina

Chianti Classico is not the only Chianti. Just ask Federico Giuntini Masseti of the estate Fattoria Selvapiana. “In the wine world, the Chianti that is good and expensive for the consumer is the Chianti Classico,” he told me over lunch, as we sipped his exquisite and criminally underpriced single-vineyard Chianti Rufina called Vigneto Bucerchiale. “All the rest must be cheap, simple and you drink it when you are at university and you have no money.” There was a sly smile at the corner of his lips, but I’m sure the perception problem he was describing is not entirely a laughing matter. Continue reading on www.openingabottle.com


Tuscany by Vinum

The Tuscany dossier of Vinum magazine, with reviews of Chianti wines d.o.c.g. Chianti DOCG - Lagenweine mit Pepp


Liberty wines – Selvapiana 20 Years

Jancis Robinson Rewiew: A toast to Liberty Wines' David Gleave Selvapiana Vigneto Bucerchiale Chianti Rufina Riserva 2013, Chianti Rufina, Tuscany, Italy 17.5 points Pale fox red. Very sweet palate entry; you are really aware of the sunshine here! Transparency and considerable terroir effect. A real wine of place. Wonderfully long and tender. Vibrates. Selvapiana 2013 Pomino 17 points Dark and well-aged look. Rather Pomerol-like on the nose. Sweet and beautifully made with refined tannins but a little bite at the end – really lively! Like the perkiest claret imaginable. Good length.


Selvapiana Chianti Rufina 2015 Bruce Sanderson review

90 Points - 2015 Selvapiana Chianti Rufina DOCG Pure cherry aromas and flavors are enhanced by a smoky element in this juicy, round red. Hints of earth and mineral add interest on the finish. Drink now through 2023. 7,000 cases made. — Bruce Sanderson Selvapiana Chianti Rufina 2015 review from Wine Spectator


Latest Selvapiana July 2017 press clips

Attached please find all press from this past month: Wine Spectator - Selvapiana Fornace Wine Spectator - Selvapiana Chianti Rufina Vigneto Bucerchiale Riserva Wine Spectator -Selvapiana Tuscany


Selvapiana Fornace 2012, latest Wine Spectator review

SELVAPIANA – Toscana Fornace 2012 94 points | $30 | 150 cases imported | Red This is settling in nicely, showing fine texture and balance, with black currant, cedar, mineral and spice flavors taking on the character of a maturing Bordeaux, yet this remains slightly wild and earthy, offering hints of licorice and tar on the long aftertaste. Merlot, Cabernet Sauvignon and Cabernet Franc. Drink now through 2027. From Italy. — B.S.


Latest Selvapiana March and April 2017 press clips

Attached please find all press from this past month: Wine Enthusiast - Selvapiana 2012 Telegram & Gazette - Selvapiana Chianti Rufina 2014 Forbes.com - Fattoria Selvapiana Pomino “Villa Petrognano” DOC, 2011


Certificate of L’Impronta in the new edition of the Guide “WINE OF ITALY 2017

With pleasure we publish the certificate of L'Impronta that Go Wine has acknowledged to Selvapiana on the new edition of the Guide "WINE OF ITALY 2017 - Guide to the Wine Tourist."


Antonio Galloni / Vinous press clips from December 2016

Antonio Galloni / Vinous press clips from December 2016


An old Rufina in perfect shape. By Luciano Pignataro Blogs

By Luciano Pignataro Blogs (http://www.lucianopignataro.it/a/toscana-1990-tre-chianti-casanova-neri/118941/). Toscana 1990: tre Chianti e il Casanova di Neri Ci si ritrova alla Galleria di Poggibonsi tra Giovani Igp. Qui Carlo Macchi ci trascina per farci mangiare mare in mezzo al Chianti prima di una epocale riunione di Garantito Igp con Stefano Tesi, Angelo Peretti, Andrea Petrini, Lorenzo Colombo e Roberto Giuliani. Da anni uno dei pochi segnali di aggregazione in web. Sarà per non siamo figli della rete ma delle reti. Fatto sta che non c’è niente di più bello che degustare vini in questo modo: Antichi Toscani dala cantina di Macchi raffreddato. Un atto di generosità enologica senza precedenti:-) Ci troviamo così questi quattro vini e ce li godimo tutti. Incredibile ma vero, a distanza di tanti anni quello che ci è piaciuto più di tutti è il Chianti Classico Riserva Selvapiana, un antico Rufina in perfetta forma, fresco, tonico, meraviglioso sul cino con ancora in serbo tante cose da regalare. Nonostante appartenga ad un’altra era geologica rispetto alla sua attuale evoluzione, paradossalmente il Casanova di Neri è invece quello che, pur affascinante e buono, è quello che ci ha rilassato di meno il palato. Troppo esuberante e materico per i Giovani Igp. A metà strada gli altri due, verso il Rufina il Ser Lapo di Castello di Fonterutoli. In direzione del Casanova di Neri il Monsanto del Poggio. Conclusioni Non siamo nei mitici anni ’80, ma sicuramente impressione bere questi rossi a distanza di tanti anni e vedere come hanno tenuto bene nel tempo. Note di frutta, freschezza, legno ben digerito come si diceva qualche anno fa, nessuna esasperazione per stupire inutilmente il palato. Spesso per godere il vino bisogna aspettarlo nel tempo. Ma la domanda finale è stata un po’ inquietante: quanti rossi del decennio successivo avranno questa capacità di affascinare chi li stappa? Ne parliamo tra 20 anni:-)


Fattoria Selavapiana ©2013-2015 All Right Reserved - Cookie Policy