Fattoria Selvapiana

Chianti Rufina Vini e Olio di Oliva, Toscana, Italia, Vigneto Bucerchiale, Selvapiana Chianti Rufina, Selvapiana Pomino Rosso Doc, Villa Di Petrognano Vendemmia, Pomino doc, Fornace, Syrah, Vin Santo del Chianti Rufina

Chianti

Vigneto Erchi 2017 premiato dall’Associazione Italiana Sommelier

Il nostro vino SELVAPIANA CHIANTI RUFINA VIGNETO ERCHI RISERVA 2017 ha ottenuto il massimo riconoscimento delle QUATTRO VITI nella settima edizione della Guida ai Vini d’Italia VITAE, edita dall’Associazione Italiana Sommelier. Ricordiamo che la consueta degustazione di tutti i vini premiati e la consegna degli attestati ai Produttori, prevista a Roma presso la Nuvola di Fuksas per sabato 28 novembre 2020, quest’anno purtroppo non sarà realizzata in presenza.


Vendemmia 2020

Anche quest'anno alla Fattoria di Selvapiana abbiamo concluso con soddisfazione la raccolta dei frutti delle nostre vigne. In questa galleria di foto vi raccontiamo una storia che si tramanda da generazioni e che si rinnova ogni anno


Fattoria di Selvapiana vince la BOTTIGLIA di Slow Wine 2021

"La guida Slow Wine 2021 vi ha assegnato i seguenti riconoscimenti: BOTTIGLIA (simbolo assegnato alle cantine che hanno espresso un’ottima qualità per tutte le bottiglie presentate alle nostre degustazioni) TOP WINE – VINO SLOW: Chianti Rufina Vigneto Erchi 2017 (Top Wine che, oltre ad avere una qualità organolettica eccellente, riesce a condensare nel bicchiere caratteri legati a territorio, storia e ambiente. L’attribuzione di questo simbolo implica l’assenza di diserbo chimico nei vigneti. Il Vino Slow risponde anche al criterio del buon rapporto tra la qualità e il prezzo, tenuto conto di quando e dove è stato prodotto) Non vi nascondiamo che quest’anno sia stato molto complicato realizzare la guida, ma riteniamo che il lavoro che abbiamo svolto sia stato puntuale, attento e decisamente innovativo. Slow Wine 2021 sarà la prima guida sia cartacea sia digitale: i contenuti, infatti, della guida si sono arricchiti di oltre 900 video interviste, accessibili da un QR Code pubblicato al fondo della scheda. Un atto rivoluzionario per una guida cartacea che il pubblico di appassionati e professionisti del settore saprà apprezzare."


Le recensioni di luglio dei vini Selvapiana su Master of Wine Christy Canterbury

Time Flies: Celebrating New & Old Wines at Fattoria Selvapiana One hundred years passed between the Giuntini family's last two purchases of land for vineyards, 1897 and 1997. So, the 19-year wait to produce the first single vineyard wine, Vigneto Erchi, from that new plot was relatively quick. (The family planted the vineyard in 1999.) In the same year that Fattoria Selvapiana welcomed this new wine to its stable, the winery also celebrated the 300th harvest since Pomino's first quality decree, or bando, by Grand Duke Cosimo III de’ Medici in 1716. The duke defined this area to protect the quality of wines being shipped to England (in place of French claret during the various wars of those days) for increasingly higher prices and volumes. Time flies, and life is too short to drink bad wine. With any of the Selvapiana wines, you won't waste a sip! 92 Fattoria Selvapiana 2016 Vigneto Erchi Chianti Rùfina DOCG 14% $50 The south-facing Erchi vineyard is planted with massal selection Sangiovese from the Bucerchiale vineyard. There is a fascinating, stern elegance in the Vigneto Erchi. The nose is tight and reserved. (Give it a hearty decanting.) The palate is similar though there is a pop of sweet cherry fleshiness in the mid-palate. The tannins are broad and grainy, and while their initial attack feels as though they may be relentlessly drying, the mid-palate plumpness diffuses them nicely. The concentrated, beautifully ripe fruit pivots into a lingering finish of dried mulch and exotic spice with a lightly leathery finish. Compelling now, this needs and deserves time. It has the structure and stuffing to age very well. Drink: 2023-30 94 Fattoria Selvapiana 2016 Vigneto Bucerchiale Chianti Rùfina DOCG Riserva 14.5% $35 This pure Sangiovese Riserva from Selvapiana's best vineyard is made only in the best vintages. (See the 2014 and 2015.) It always impresses me that a wine with such pedigree can be so accessible at such an early age. This 2016 is raring to go with its enthralling aromas of roasted meat, briar fruits and mulch. The attack is smooth - almost lush for the Rùfina area - with ripe fruits. To back up this generously-bodied palate is Rùfina's telltale chirpy acidity that creates a waterfall of refreshment on the back palate. Throughout, the lightly coarse and sticky tannins mold onto the palate to create a mouth-filling and dignified Sangiovese. The fruit is impressively powerful and forward - not surprising given the vintage, but the structure is unrelentingly harmonious. Drink: 2020-31 91 Fattoria Selvapiana 2015 Pomino Rosso DOC Villa Di Petrognano 14% $21 While Pomino is a very small denominazione today, so small that only two producers use the DOC, it once defined a much larger area, including Chianti Rùfina, Chianti Classico, Carmignano and Val d’Arno di Sopra. This wine's dominant variety, Sangiovese (60%), is mostly noticeable in the orange-tinged, ruby color and the floral, strawberry-perfumed attack. Then this Pomino Rosso's Bordeaux contributors - equal parts Merlot and Cabernet Sauvignon - take over the palate flavors and feel. The mid-palate is full-bodied and supple thanks to the Merlot and the ripe nature of the 2015 vintage. The somewhat husky tannins hail from the Cabernet Sauvignon. The pleasantly earthy and minerally finish lingers with liveliness. There is good balance and integration here, and with the full-blast personality of the Bordeaux varieties, the wine could certainly stand to relax a bit in bottle. Still, it's ready to be enjoyed if you like your wines young and vigorous. If you're interested in putting away a few bottles to see how wines age, this should do nicely for the first half of this decade and even beyond, for a very modest sum! Drink: 2020-26 90 Fattoria Selvapiana 2018 Chianti Rùfina DOCG 13.5% $19 Chianti's Rùfina sub-zone of is arguably the best of those outside the Classico area, and this label consistently shows why. Yet again, this is terrific value for the money, showing off Rùfina's pretty and poised aromatics with Sangiovese's tantalizing red fruit tones and light earthiness. This vintage's aromas showcase rose petals, cigar wrapper and red currants. The medium-bodied palate is elegantly balanced between its pristine, energetic fruit, its lightly mouthcoating texture and elegant, talc-like tannins. There is zero evidence of oak use thanks to the employment of large, 25-30 hl French casks. This is the epitome of elegant, high altitude Chianti Rùfina. This vintage's finish is lighter than the 2015 and 2016, suggesting that this is more of an early- to-mid-range wine. Drink: 2020-24 http://christycanterbury.com/publishedhere/2020/7/10/time-flies-celebrating-new-amp-old-wines-at-fattoria-selvapiana


Selvapiana Chianti Rufina 2017, le recensioni di Maggio 2020

Selvapiana, Chianti Rufina 2017, Italy Nel mese di Maggio 2020 il Chianti Rufina 2017 di Selvapiana ha ricevuto recensioni online sia da Matthew Jukes su MatthewJukes.com sia da Jane MacQuitty su The Times   "I have written up the Bucerchiale, Vigneto Erchi and Vin Santo from this stellar estate in my MoneyWeek column over the years, but never this glorious estate wine which, again, I have to admit to drinking very regularly indeed at home. Coming from the finest winery in the Florentine environs this is one of the greatest value Chiantis of all time and, can you believe it, unlike almost all of the competition it always drinks well young. Joyous blackberry and spice fruit notes abound and there is a snap of freshness on the finish which reminds you that Rufina is a region blessed with altitude. This is sheer heaven in a glass and you can even chill it a tad when the temperature rises." Matthew Jukes, MoneyWeek Wine Club – May 2020, MatthewJukes.com, 8th May 2020   "Delicious chianti with superb complexity and mouth-filling smoky, floral fruit, part rose, part violet." Jane MacQuitty, A perfect red wine for warm summer days, The Times, 9th May 2020 


Maggio 2019 – Ultime Recensioni da Monica Larner

     


Un antico Rufina in perfetta forma. Dal Blog di Luciano Pignataro

Dal Blog di Luciano Pignataro (http://www.lucianopignataro.it/a/toscana-1990-tre-chianti-casanova-neri/118941/).   Toscana 1990: tre Chianti e il Casanova di Neri Ci si ritrova alla Galleria di Poggibonsi tra Giovani Igp. Qui Carlo Macchi ci trascina per farci mangiare mare in mezzo al Chianti prima di una epocale riunione di Garantito Igp con Stefano Tesi, Angelo Peretti, Andrea Petrini, Lorenzo Colombo e Roberto Giuliani. Da anni uno dei pochi segnali di aggregazione in web. Sarà per non siamo figli della rete ma delle reti. Fatto sta che non c’è niente di più bello che degustare vini in questo modo: Antichi Toscani dala cantina di Macchi raffreddato. Un atto di generosità enologica senza precedenti:-) Ci troviamo così questi quattro vini e ce li godimo tutti. Incredibile ma vero, a distanza di tanti anni quello che ci è piaciuto più di tutti è il Chianti Classico Riserva Selvapiana, un antico Rufina in perfetta forma, fresco, tonico, meraviglioso sul cino con ancora in serbo tante cose da regalare. Nonostante appartenga ad un’altra era geologica rispetto alla sua attuale evoluzione, paradossalmente il Casanova di Neri è invece quello che, pur affascinante e buono, è quello che ci ha rilassato di meno il palato. Troppo esuberante e materico per i Giovani Igp. A metà strada gli altri due, verso il Rufina il Ser Lapo di Castello di Fonterutoli. In direzione del Casanova di Neri il Monsanto del Poggio. Conclusioni Non siamo nei mitici anni ’80, ma sicuramente impressione bere questi rossi a distanza di tanti anni e vedere come hanno tenuto bene nel tempo. Note di frutta, freschezza, legno ben digerito come si diceva qualche anno fa, nessuna esasperazione per stupire inutilmente il palato. Spesso per godere il vino bisogna aspettarlo nel tempo. Ma la domanda finale è stata un po’ inquietante: quanti rossi del decennio successivo avranno questa capacità di affascinare chi li stappa? Ne parliamo tra 20 anni:-)


Fattoria Selavapiana ©2013-2015 All Right Reserved - Cookie Policy & Privacy